Select Page

Piano Cottura – I 5 Modelli TOP Sul Mercato
[Gennaio 2023]

Ogni casa ha bisogno di un piano cottura. Trovare quello perfetto per le vostre esigenze potrebbe non essere cosi facile. Per questo ci siamo qua noi! Ecco i migliori modelli scelti dai nostri esperti:

Pubblicato Da Concetta Mazzanti – 5. Gennaio 2023

Il Più Venduto

piano cottura

Candy CHW6LBX a Gas

Offerta TOP

piani cottura

IsEasy Piastra Di Cottura

La Nostra Scelta 

piano cottura moderno

IsEasy Vetro Nero

Il Migliore Piano Cottura Sul Mercato 2022

Il Migliore Piano Cottura Sul Mercato 2022

Abbiamo raccolto i migliori piani cottura in ogni categoria: a gas, elettrici e a induzione. Ma ora è arrivato il momento di fare la classifica definitiva. In questa guida abbiamo raccolto il meglio del meglio per evidenziare i cinque migliori modelli di piano cottura completi attualmente disponibili sul mercato.

Se non avete ancora deciso se optare per un piano cottura elettrico, a gas o a induzione, questa guida è un ottimo punto di partenza. Abbiamo presentato opzioni di livello mondiale di ogni categoria per fornire una rassegna completa di ciò che è disponibile. Ecco la nostra TOP 5:

1. Candy CHW6LBX a Gas

Candy CHW6LBX a Gas

4 FUOCHI: prepara le tue ricette con il nuovo Piano Cottura a Gas 4 Fuochi Candy composto da due bruciatori rapidi, un semirapido e un ausiliario. GRIGLIE LAVABILI: posiziona le griglie del Piano Cottura a Gas e avvia un programma di lavaggio tra i 70°-75°: torneranno come nuove. CONTROLLO LATERALE: le manopole del Piano Cottura 4 Fuochi sono disposte lateralmente in modo da essere difficilmente accessibili ai più piccoli.

2. IsEasy Piastra Di Cottura

IsEasy Piastra Di Cottura

【4 fuochi piano gas in vetro】: design a incasso, pannello in vetro temperato, spessore 8 mm, facile da pulire. 【4 bruciatore】: 1,75 kW, 3,3 kW, 1,75 kW, 1 kW. Bruciatore imitazione, supporto in ghisa. 【Accensione】: Accensione a impulso, controllo tramite pulsante. Sicurezza: sicurezza tramite termocoppia; valvola di sicurezza per albero in rame.

3. IsEasy Vetro Nero

IsEasy Vetro Nero

Piano cottura a gas a 4 zone — Il piano cottura a gas autosufficiente da 7800 W ha 4 potenti bruciatori di cottura sigillati con 3300 W + 1750 W + 1750 W + 1000 W. Sicuro — Il piano cottura a gas in vetro a gas naturale ha un rilevamento della mancanza di fiamma della termocoppia. Il piano cottura a gas IsEasy in vetro spegne automaticamente il gas quando non viene rilevata alcuna fiamma. Installazione e utilizzo — Design da incasso. Il piano cottura a gas propano integrato è un dispositivo plug and play che si accende automaticamente ruotando la manopola di controllo.

4. Bosch POP6B6B10 Nero

Bosch POP6B6B10 Nero

Il piano in vetro Bosch POP6B6B10 è elegante e pratico. Composto da materiali di alta qualità, la superficie liscia e curata del piano in vetro offre una finitura perfetta e una grande resistenza. Eleganti e pratici, si puliscono con facilità. Sicurezza tramite termocoppia. Questa sicurezza interrompe automaticamente l’arrivo di gas in caso di spegnimento accidentale della fiamma. Grazie alla termocoppia istantanea, la fiamma si attiva fin dall’impulso sul controller. In meno di un secondo, il fornello si accende.

5. GIONIEN GIB464SC Nero

GIONIEN GIB464SC Nero

[Facile da usare e da pulire] – Puoi controllare il tuo piano cottura con un semplice tocco di un dito. Seleziona la zona di cottura e il livello di potenza con facilità. Piano cottura elettrico con design senza soluzione di continuità, finitura in vetro lucido è molto facile da pulire e mantenere, aspetto piacevole ma funzionale. [Liberarsi dalla cucina] – Con 4 zone di cottura, ti fornisce un sacco di spazio, e il piano di cottura elettrico ha un layout eccezionale che impedirà alle tue pentole di lottare per lo spazio quando vuoi tutte le zone allo stesso tempo – rende la cottura di un banchetto molto più piacevole.

Guida All’Acquisto Per Il Piano Cottura Migliore

Guida All’Acquisto Per Il Piano Cottura Migliore

Se avete mai provato a cucinare a casa di vostra suocera, avete bruciato la pancetta sul “suo stupido fornello” e desiderate la vostra cucina di non avere quel “stupido fornello”, probabilmente vi sarete resi conto che non tutti i piani cottura sono uguali.

In genere, le persone preferiscono il tipo di fornello su cui hanno imparato a cucinare, ma se siete nuovi proprietari, state ristrutturando la vostra cucina o siete semplicemente stanchi di bruciare sempre il vostro pezzo di carne preferito, potrebbe essere il momento di prendere in considerazione un nuovo fornello o piano di cottura.

Esistono tre tipi fondamentali di piani di cottura: a gas, elettrici radianti e a induzione. Ognuno di essi presenta i propri pro e contro, ma tutti sono in grado di svolgere bene il proprio lavoro se utilizzati correttamente.

Mentre un cuoco casalingo può apprezzare la precisione e l’usabilità di un fornello a gas a fiamma libera, una famiglia giovane può trovare un fornello elettrico più sicuro da usare e più facile da pulire. I piani cottura a induzione sono tra i più costosi, ma sono anche il tipo di piano cottura più sicuro ed efficiente sia per l’ambiente che per la bolletta.

Le Cose Da Sapere Prima Di Acquistare Un Piano Cottura

Le Cose Da Sapere Prima Di Acquistare Un Piano Cottura

Prima di prendere una decisione definitiva su quale piano di cottura sia più adatto alla vostra casa, considerate diversi fattori. Vi suggeriamo di concentrarvi sul tipo di tecnologia di riscaldamento (induzione, elettrico o a gas), sulle dimensioni del piano di cottura e sul numero di bruciatori, sulla garanzia disponibile, sui costi di manutenzione e su eventuali funzioni intelligenti di cui volete beneficiare.

E

Induzione vs. Elettrico vs. Gas

Quando si sceglie il piano cottura moderno giusto per la propria casa, la prima scelta da fare è tra i tipi di tecnologie di riscaldamento disponibili. Il termine “piano cottura” si riferisce generalmente a un elemento di cottura piatto, da banco, e non include di solito le gamme a gas, ma i bruciatori a gas sono disponibili anche separatamente dalle gamme complete (con forno incluso) e possono essere presi in considerazione quando si vuole installare una nuova superficie di cottura durante la ristrutturazione della cucina.

  • I piani cottura a gas consentono un controllo preciso del livello di calore, il che li rende popolari tra gli chef professionisti. Inoltre, possono essere utilizzati anche in assenza di corrente, il che può essere utile per chi si trova in luoghi soggetti a emergenze elettriche. Con un piano cottura a gas, il riscaldamento si avvia immediatamente e può essere regolato con incrementi precisi, mentre il livello di calore modificato risponde istantaneamente. Ma i piani cottura a gas sono anche più pericolosi a causa delle fiamme libere. Possono anche essere molto più disordinati e difficili da pulire a causa delle griglie di protezione e di altri piani cottura di forma più complessa.
  • I piani di cottura elettrici, talvolta chiamati anche radianti elettrici, presentano per lo più una superficie elegante, liscia e dal design accattivante, relativamente facile da pulire. Gli elementi riscaldanti possono raggiungere temperature più elevate rispetto alle cucine a gas e sono il tipo di piano cottura più conveniente per chi ha un budget limitato. I piani di cottura elettrici radianti richiedono tempo per riscaldarsi e raffreddarsi, il che rende difficile mantenere un controllo preciso della temperatura.
  • I piani cottura a induzione sono spesso considerati i migliori perché sono i più efficienti in termini di energia, tempo e sicurezza. Poiché i piani di cottura a induzione riscaldano solo la pentola o la padella, la perdita di energia è minima. Ciò rende i piani cottura a induzione più rispettosi dell’ambiente e della bolletta elettrica. Il processo è più efficiente anche in termini di cottura: i piani di cottura a induzione vantano tempi dimezzati per l’ebollizione dell’acqua. Poiché il calore viene trasferito solo alle pentole, la superficie del piano cottura è sicura al tatto.

Tuttavia, i piani cottura a induzione sono molto più costosi di quelli a gas o elettrici e funzionano solo con pentole ferromagnetiche (ghisa, acciaio inox e pochi altri tipi), mentre non funzionano con pentole in rame, ceramica o vetro.

E

Dimensioni E Numero Di Fornelli

La prossima decisione da prendere quando si sceglie il miglior piano cottura per la propria casa riguarda le dimensioni e il numero di bruciatori (o elementi riscaldanti) desiderati. La maggior parte dei piani cottura presenti nel nostro elenco sono da 50 o 60 centimetri, le dimensioni standard più comuni, ma i piani cottura sono disponibili in un’ampia varietà di misure per adattarsi alla vostra casa.

Anche il numero di bruciatori può essere una considerazione fondamentale. La maggior parte dei piani cottura è dotata di quattro o cinque bruciatori, ma cinque bruciatori possono essere meno desiderabili su un piano di cottura più piccolo perché lo spazio intorno ai bruciatori può essere molto ridotto. Prestate attenzione alle dimensioni dei bruciatori in relazione alle pentole che avete, o che volete, e prendete in considerazione le funzioni extra, come la possibilità di collegare due bruciatori in un unico super-bruciatore per griglie o altre pentole lunghe.

E

Garanzia E Manutenzione

La garanzia e la manutenzione possono non sembrare importanti quando si sta dando un’occhiata a nuovi piani cottura, ma quando qualcosa si rompe e si passano 13 ore in attesa con l’assistenza clienti, la penserete diversamente. Prestate attenzione ai tipi di garanzia forniti con i prodotti che state valutando e pensate al tipo di manutenzione di cui avrà bisogno il vostro futuro piano cottura.

I bruciatori a gas richiedono inevitabilmente un maggiore sforzo di pulizia rispetto ai piani elettrici o a induzione, perché le fuoriuscite cadono sotto la griglia e sono più difficili da pulire. Le fuoriuscite sulle superfici dei piani di cottura elettrici radianti possono bruciare e attaccarsi perché i piani di cottura elettrici sono caldi dappertutto, mentre quelli a induzione riscaldano solo le pentole e le padelle, quindi le fuoriuscite possono essere pulite all’istante. La manutenzione dei piani cottura elettrici e a induzione può comportare costi molto più elevati rispetto alle cucine a gas, perché la sostituzione delle parti elettriche sigillate nell’unità può essere molto più costosa rispetto alla sostituzione di un pezzo in un bruciatore a gas.

Per quanto riguarda le garanzie, la maggior parte delle aziende offre una garanzia limitata a 12 mesi, ma alcune, tra cui molte presenti nel nostro elenco, offrono garanzie più lunghe e/o piani di protezione aggiuntivi per mantenere i piani cottura in ottima forma nonostante eventuali bruciature.

E

Caratteristiche Intelligenti

Un’ultima considerazione da fare quando si sceglie tra i piani di cottura riguarda le funzioni extra. Molti piani cottura moderni sono dotati di funzioni intelligenti, soprattutto quelli elettrici e a induzione. Queste funzioni possono includere il rilevamento automatico delle pentole, lo spegnimento automatico, il ridimensionamento dei bruciatori e speciali impostazioni di bassa o alta temperatura. Anche se queste opzioni non dovrebbero essere la prima cosa da fare quando si valutano le opzioni tra i diversi piani cottura, sapere quali funzioni intelligenti si desiderano può aiutare a scegliere tra le opzioni finali.

Tipi Di Piano Cottura

Tipi Di Piano Cottura

Conoscere le caratteristiche, i materiali e le dimensioni di ciascun tipo di piano cottura vi permetterà di capire quale tipo installare in cucina e se è l’elettrodomestico giusto da acquistare.

Ad esempio, la differenza principale tra un piano cottura e un piano di cottura da incasso sta nel design e nell’installazione. I comandi dei piani di cottura si trovano sulla superficie, mentre quelli dei piani di cottura da incasso si trovano davanti, per cui è necessario rimuovere una parte del piano di lavoro prima di installare l’unità slide-in. I piani cottura sono ideali anche per l’uso commerciale, mentre i piani di cottura classici sono adatti per la casa.

Conoscere i diversi piani cottura disponibili sul mercato, compresi i pro e i contro di ciascuno, può aiutarvi a decidere quale installare nella vostra cucina.

E

Piano Cottura A Gas

I piani cottura a gas utilizzano bruciatori che si accendono quando il gas e l’ossigeno vengono accesi tramite una fiamma pilota per creare una scintilla. Questa accensione crea poi una fiamma che attraversa i bruciatori (dischi metallici sulla parte superiore del piano di cottura), che producono calore.

Di conseguenza, i piani di cottura a gas producono un calore istantaneo che può essere controllato tramite le manopole sul piano di cottura; tuttavia, sono i piani di cottura meno efficienti, in quanto metà del calore viene disperso nell’aria intorno al piano di cottura. Inoltre, poiché utilizzano il gas come fonte di alimentazione, possono produrre fumi e riscaldare la cucina anziché il cibo. Dal punto di vista della sicurezza, i piani cottura a gas sono relativamente sicuri, purché vengano monitorati durante l’uso; tuttavia, se non si fa attenzione, si corre il rischio di bruciarsi.

 

Vantaggi

  • Controllo: I piani di cottura a gas forniscono una fiamma istantanea che consente un eccellente controllo della cottura sia ad alto che a basso calore. Rispetto ai piani cottura elettrici, è possibile controllare la temperatura in tempo reale, riducendo così le probabilità di bruciare i cibi o di farli bollire.
  • Prezzo: Sebbene non sia così economico come i piani di cottura elettrici, il prezzo di un piano di cottura a gas parte da circa 100 Euro, il che lo rende un po’ più costoso di quello elettrico ma più economico di quello a induzione con lo stesso livello di controllo.

Svantaggi

  • Pulizia: Come i piani cottura elettrici a serpentina, quelli a gas possono essere difficili da pulire a causa delle griglie e della probabilità che il cibo vi rimanga incastrato o bruciato. Inoltre, rimuovere le griglie per pulire i bruciatori può richiedere molto tempo.
  • Usabilità: A differenza dei piani cottura elettrici e a induzione, quelli a gas richiedono l’installazione e una linea del gas. Se non si dispone di una linea del gas, l’installazione può risultare costosa o non essere affatto un’opzione.
E

Piano Cottura Elettrico

Il piano cottura elettrico a serpentina, in vetroceramica o a disco solido – utilizza l’energia a infrarossi per riscaldare pentole e padelle e cuocere i cibi. Il calore è concentrato nelle serpentine, quindi, a differenza dei piani cottura a gas, il calore in eccesso disperso nell’area circostante la zona di cottura è minimo o nullo. Circa il 75% del calore generato è destinato alla cottura, il che lo rende molto più efficiente dei piani cottura a gas (50%), ma non altrettanto di quelli a induzione (90%). Inoltre, i piani di cottura elettrici sono sicuri (grazie alle spie luminose per ogni bobina), ma si corre comunque il rischio di scottarsi durante l’utilizzo.

 

Vantaggi

  • Prezzo: I piani di cottura elettrici sono i più economici tra i tre, con prezzi che partono da circa 100 Euro. Tuttavia, il costo mensile sarà superiore a quello dei piani cottura a gas e pari a quello dei piani cottura a induzione, a causa dell’utilizzo dell’elettricità come fonte di alimentazione.
  • Utilizzabilità: Il piano di cottura elettrico è universale: qualsiasi pentola può essere utilizzata per riscaldare e cuocere i cibi.

Svantaggi

  • Riscaldamento: Sebbene il riscaldamento sia efficiente grazie alla natura localizzata delle bobine, può essere irregolare e richiedere più tempo rispetto ai piani cottura a gas o a induzione. Inoltre, il controllo del calore varia perché il piano di cottura elettrico impiega più tempo per adattarsi ai cambiamenti di temperatura, il che lo rende meno efficiente dei piani a gas e a induzione.
  • Pulizia / Manutenzione: I piani cottura a serpentina possono essere difficili da pulire perché bisogna infilarsi tra le bobine; inoltre, è molto probabile che il cibo si cuocia sulle bobine, complicando ulteriormente le operazioni di pulizia. I piani cottura in vetroceramica sono più facili da pulire grazie alla loro superficie liscia; tuttavia, anche in questo caso c’è il rischio di macchie e segni sulla superficie.
E

Piano Cottura Induzione

I piani di cottura a induzione creano calore attraverso il contatto tra una bobina di rame nel piano di cottura e una pentola magnetica. Di conseguenza, il riscaldamento avviene più rapidamente rispetto ai piani cottura a gas ed elettrici, rendendoli più efficienti. Inoltre, è il piano cottura più sicuro grazie alla sua fonte di calore elettromagnetica. In questo modo, non viene prodotto alcun calore se il piano di cottura non entra in contatto con un recipiente di cottura contenente molto ferro, anche quando è acceso. Pertanto, è possibile accendere il piano di cottura che non si riscalderà fino a quando non vi sarà appoggiata la pentola appropriata.

Vantaggi

  • Efficienza: Il più veloce dei tre piani cottura. Il riscaldamento è istantaneo e costante durante l’uso.
  • Sicurezza: Il più sicuro dei tre piani di cottura, poiché il calore viene creato e limitato al recipiente di cottura. Non viene prodotto alcun calore se non viene posizionato un recipiente di cottura appropriato sul piano di cottura. Ciò significa che qualsiasi altra cosa venga posizionata su di esso non produrrà calore.
    Controllo: I piani di cottura a induzione offrono il miglior controllo in quanto il calore prodotto arriva direttamente alla pentola, consentendo di controllare la temperatura ad alte e basse temperature.
  • Pulizia: È il più facile da pulire tra i tre piani cottura. Basta prendere un panno umido e strofinarlo sulla superficie liscia per pulire le fuoriuscite e i residui.

Svantaggi

  • Prezzo: Poiché questi piani di cottura sono appena arrivati in Italia, al momento sono più costosi di quelli elettrici e a gas, a partire da circa 200 Euro. Inoltre, con questo piano cottura si possono utilizzare solo pentole con grandi quantità di ferro (ad esempio, ghisa e acciaio inossidabile), il che potrebbe comportare un costo aggiuntivo se non si dispone di pentole adeguate.
E

Piano Cottura 5 Fuochi

Un altra possibile divisione del piano cottura sta nella grandezza. Il piano cottura 5 fuochi e quello preferito da famiglie grandi, e anche più largo della versione classica, offrendo la possibilità di usare più pentole o padelle allo stesso tempo. Disponibile in tutte le forme di alimentazione, da gas, elettrica e induzione. Le dimensioni partono dai classici 60 centimetri, fino a quelle da 80 centimetri.

E

Piano Cottura 4 Fuochi

Il piano cottura 4 fuochi si potrebbe definire anche “la versione classica”. Un modello vecchia scuola, ma non per questo offre meno opzioni. Anche questo si può trovare in tutte le forme di alimentazione e si adatta a qualsiasi cucina. La versione più comune e quella da 60 centimetri di larghezza, ma siccome ha soltanto 4 fuochi si può trovare anche in versioni da 50 centimetri.

E

Fornello Elettrico

Il fornello elettrico e la versione piu piccola, anche portatile del piano cottura. Esistono le versioni con un solo bruciatore (pannello elettrico), ma si possono trovare anche quelle con due pannelli. Ottimo per cucine con poco spazio.

E

Fornelli A Induzione

Ovviamente la versione piccola / portatile e disponibile anche con l’induzione. Anche questa adatta per cucine dove non c’e spazio per un vero e proprio piano di cottura come anche per il campeggio.

Come Scegliere Il Piano Cottura Giusto

Come Scegliere Il Piano Cottura Giusto

Sebbene i piani cottura elettrici, a gas e a induzione presentino tutti vantaggi specifici, ci sono alcune caratteristiche da ricercare in qualsiasi piano di cottura scelto, indipendentemente dal tipo. Ecco le cinque caratteristiche e i parametri più importanti da ricercare nella scelta di un piano cottura.

E

Potenza Di Cottura

È importante assicurarsi che il piano cottura abbia la potenza di cottura necessaria per portare a termine il lavoro. Dopo tutto, è per questo che lo comprate! Ma se è facile limitarsi a considerare il Kw massimo, è bene assicurarsi che il piano cottura offra qualità anche nella gamma di calore inferiore. La capacità di cuocere a fuoco lento e di riscaldare gli alimenti a basse temperature è estremamente importante per un’ampia gamma di operazioni di cucina, quindi ricordate sempre che la potenza non è tutto.

E

Affidabilità

I migliori marchi di progettazione di piani cottura non si limitano a realizzare prodotti appariscenti, ma producono apparecchi costruiti per durare nel tempo. I cinque prodotti della nostra lista hanno tutti un’ottima valutazione per quanto riguarda l’affidabilità a lungo termine e la soddisfazione dei clienti, e questo perché vogliamo assicurarci che i nostri clienti non siano felici solo il primo giorno, ma anche il centesimo e il millesimo giorno di possesso del loro piano cottura.

Se un piano di cottura che state acquistando sembra buono in apparenza, ma ha un punteggio basso quando si tratta di affidabilità, vi suggeriamo di stare alla larga.

E

Dimensioni

La scelta delle dimensioni del piano cottura dipende da una serie di fattori. Innanzitutto, lo spazio a disposizione in cucina potrebbe essere limitato. Se il piano di cottura deve essere collocato in uno spazio di 50 centimetri sul piano di lavoro, un piano di cottura di 60 centimetri di larghezza non sarà un’opzione. D’altra parte, se avete più spazio a disposizione, un piano di cottura più largo può garantirvi una maggiore flessibilità e la possibilità di inserire contemporaneamente più padelle e pentole sulla superficie.

In genere, i piani di cottura sono disponibili nelle versioni da 50 e 60 centimetri, anche se esistono alcune eccezioni che si estendono oltre la fascia bassa e alta di questa gamma.

E

Caratteristiche

I piani cottura di tutti i tipi possono includere un’ampia gamma di funzioni e il modo in cui queste migliorano l’esperienza di cottura può essere un fattore importante nella scelta del prodotto giusto per voi. È possibile scegliere tra comandi a sfioramento o manopole fisiche, connettività WiFi o design più tradizionale senza connessione e un’ampia gamma di altre caratteristiche. Anche se non influiscono sulla capacità di cottura complessiva del piano di cottura, di certo migliorano o riducono l’esperienza di utilizzo.

E

Design

Quanto è facile da usare il vostro piano cottura? La collocazione degli elementi riscaldanti, dei comandi e di altre funzioni ha senso? I materiali utilizzati per il design sono eleganti e duraturi o brutti ed economici? Sono tutte domande che dovreste porvi quando si tratta di scegliere il piano cottura di design più adatto a voi.

E

Connettività

Sempre più piani cottura sono dotati di funzionalità di connessione, che consentono di controllarli dal proprio smartphone e persino di richiedere la manutenzione o di saperne di più sull’uso del piano cottura. La connettività può essere più importante per alcuni utenti che per altri, quindi se è importante per voi assicuratevi di sapere se un piano cottura che state considerando è dotato di connettività wireless.

La Manutenzione Del Piano Cottura

La Manutenzione Del Piano Cottura

Cucinare è un’attività disordinata. Grasso, residui di cibo o macchie appiccicose possono ridurre l’efficacia dei bruciatori dei fornelli o farli smettere di funzionare del tutto. Una pulizia accurata spesso risolve i problemi legati alla mancata accensione di un bruciatore, al riscaldamento irregolare o alla mancanza di calore. Durante la pulizia, controllate i segni di usura, ruggine e corrosione. L’uso intenso può danneggiare i bruciatori, ma fortunatamente sono facili da sostituire.

Attenzione: Prima di pulire la stufa, scollegarla dalla corrente elettrica staccando la spina dalla parete o togliendo l’elettricità alla presa di corrente nella scatola degli interruttori. Se avete una stufa a gas, spegnete il gas alla fonte. Se la stufa è stata utilizzata di recente, lasciarla raffreddare completamente prima di procedere.

Importante: non spruzzare mai acqua direttamente sulle manopole o sul pannello di controllo per non danneggiare le parti elettroniche. Per pulire tra le manopole, applicare del sapone per piatti su un panno umido ma non gocciolante e pulire delicatamente lo sporco e il grasso.

E

Come Pulire Un Piano Cottura Elettrico A Serpentina

Cosa vi serve:

  • Acqua
  • Sapone per piatti
  • Spugna o strofinaccio non abrasivo

Nota: la maggior parte dei piani cottura ha bruciatori piccoli e grandi e alcune unità hanno una dimensione diversa per ogni elemento (bobina). Per pulire a fondo la stufa, sarà necessario rimuovere gli elementi.

Gli elementi riscaldanti sono di dimensioni diverse, quindi è importante ricollegarli alla morsettiera corretta. Prima di iniziare, fotografare la disposizione del piano del piano cottura. Si consiglia di segnare le bobine con una matita. Questo aiuterà a far coincidere gli elementi con il connettore corretto.

Seguendo le indicazioni del manuale d’uso, estrarre delicatamente la bobina dal ricettacolo. Lavare la bobina con acqua calda e sapone, facendo attenzione a rimuovere eventuali residui di cibo bruciati. Se necessario, gli elementi della bobina possono essere messi a bagno. Inoltre, rimuovere e lavare le vaschette di raccolta. Mettere da parte le bobine e le vaschette di raccolta per farle asciugare.

Pulire la superficie del piano di cottura con un panno umido. Non spruzzare acqua direttamente sul piano cottura in presenza di terminali esposti.

Se il piano di cottura può essere sollevato (nella maggior parte dei casi), sollevarlo e pulire la parte inferiore con una spugna o uno strofinaccio umido. Non spruzzare acqua o detergenti sotto la superficie del piano di cottura. Utilizzare un panno asciutto per pulire l’interno della presa del terminale.

Chiudere il piano di cottura e rimontare le vaschette di raccolta.

Importante: lasciare asciugare completamente gli elementi del bruciatore prima di ricollegarli al fornello.

Prima di sostituire gli elementi, controllare che i terminali di collegamento non siano arrugginiti o corrosi. La ruggine può essere eliminata con carta vetrata a grana fine. Ricollegare gli elementi alla presa dei terminali, assicurandosi che siano inseriti saldamente nel blocco.

Se le bobine sono piegate o profondamente corrose, devono essere sostituite.

E

Come Pulire Un Piano Cottura In Betroceramica

Cosa vi serve:

  • Acqua
  • Sapone per piatti
  • Aceto bianco
  • Bicarbonato di sodio
  • Lama di rasoio (opzionale)
  • Spugna o strofinaccio non abrasivo
  • Asciugamano di medie dimensioni

Attenzione: Non utilizzare prodotti per la pulizia del vetro per pulire il fornello in vetro. L’idrossido di ammonio potrebbe danneggiare il piano di cottura.

Nota: non versare il liquido direttamente sul piano di cottura. Potrebbe penetrare nelle fessure e danneggiare le parti elettroniche sottostanti.

Per iniziare, inumidire il panno o la spugna con aceto bianco e strofinare accuratamente la superficie. Questo aiuterà a rimuovere il grasso e le macchie d’acqua. Cospargere leggermente il piano di cottura con bicarbonato di sodio. Immergete un asciugamano di medie dimensioni in acqua calda e strizzatelo accuratamente fino a quando non sarà umido ma non gocciolante.

Posizionare l’asciugamano sul piano di cottura e lasciarlo agire per 30 minuti. Questo aiuta ad ammorbidire il cibo cotto e lo sporco. Dopo 30 minuti, rimuovete l’asciugamano, ma non eliminate ancora il bicarbonato di sodio. Utilizzate alcune gocce di sapone per piatti su una spugna o uno strofinaccio umido e pulite l’intero piano di cottura con piccoli movimenti circolari.

Il bicarbonato di sodio agisce come un leggero abrasivo per aiutare a rimuovere il cibo attaccato. Sciacquate lo strofinaccio e rimuovete il sapone e il bicarbonato. Utilizzate una piccola lametta per raschiare delicatamente il cibo bruciato che il bicarbonato non è riuscito a rimuovere. Utilizzare un panno umido di aceto per lucidare la superficie del piano di cottura.

Importante: se il piano di cottura in vetro è incrinato, non è sicuro da usare. 

E

Come Pulire Il Piano Di Cottura A Gas

Cosa vi serve:

  • Acqua
  • Sapone per piatti
  • Aceto
  • Spugna o strofinaccio non abrasivo
  • Spazzola per strofinare

Per prima cosa, riempite il lavandino con acqua calda e sapone. Rimuovere le griglie e i coperchi dei bruciatori e metterli ammollo nell’acqua saponata. In alcuni modelli è possibile rimuovere e mettere a bagno anche i bruciatori. Per le istruzioni su come rimuovere i bruciatori, consultate il manuale d’uso. Mentre le parti rimovibili sono in ammollo, inumidite uno strofinaccio o una spugna con aceto e pulire la superficie del piano di cottura. Usate un panno asciutto per eliminare lo sporco o i detriti nelle cavità dei bruciatori. Lavate le griglie, i coperchi dei bruciatori e i bruciatori. Utilizzate la spazzola per pulire il grasso e lo sporco nelle fessure dei bruciatori. Quando tutte le parti rimovibili sono pulite, metterle da parte ad asciugare. Lasciate asciugare completamente le parti prima di rimontare il bruciatore.

Suggerimento: In molti negozi di casalinghi sono in vendita vaschette monouso per i fornelli a gas. L’uso di queste può rendere molto più semplice la pulizia futura. Se non riuscite a recarvi al negozio, potete anche foderare il fondo della leccarda originale con un foglio di alluminio. Basta fare un piccolo foro per far passare l’elemento riscaldante.

Importante: Non utilizzare un coltello o un oggetto metallico per raschiare il cibo cotto, perché potrebbe graffiare o danneggiare la superficie.

La Nostra Selezione

La Nostra Selezione

Ogni piano cottura presenta vantaggi e svantaggi. Il piano di cottura elettrico è il più economico, ma non il più efficiente. Il piano di cottura a gas è il più economico, ma non si può sbagliare se si vuole avere un controllo, ma non si vuole passare ore a pulirlo. L’induzione è il più sicuro e il più efficiente, ma la sua novità sul mercato americano potrebbe aggiungere altri costi (ad esempio, nuove pentole).

In definitiva, la scelta del piano di cottura si riduce alle priorità e al prezzo, rispondendo alla domanda su quale sia il migliore per la vostra cucina.

Domande Frequenti

Qual è Il Piano Cottura Più Facile Da Pulire?

Il piano di cottura a induzione è uno dei più facili e sicuri da pulire perché la superficie in vetro o ceramica non si surriscalda. Non solo la pulizia è immediata, ma le fuoriuscite non bruciano e non si incrostano sulla superficie di cottura. I piani cottura elettrici radianti e le cucine a gas sono più difficili da pulire perché le fuoriuscite possono bruciare sulla superficie o rimanere intrappolate in punti difficili da raggiungere.

Come Si Sceglie Un Piano Cottura?

Il primo fattore da considerare quando si sceglie un nuovo piano cottura per la propria casa è il tipo di fonte di calore: a induzione, elettrico radiante o a gas. Inoltre, bisogna considerare le dimensioni dell’unità, il numero di bruciatori, le opzioni di garanzia, i costi di manutenzione e le funzioni intelligenti di cui l’unità è dotata.

Qual è La Differenza Tra Piani Cottura Elettrici E Quelli A Induzione?

Mentre un piano di cottura elettrico o radiante fa passare l’elettricità attraverso bobine metalliche per riscaldare la superficie del piano di cottura e, di conseguenza, la pentola o la padella, i piani di cottura a induzione creano calore facendo passare l’elettricità attraverso bobine di rame. Questo crea un campo magnetico e provoca il riscaldamento di specifici tipi di pentole o padelle in metallo.

Concetta Mazzanti

Concetta Mazzanti

Mi chiamo Concetta Mazzanti, l'autrice e fondatrice del sito Cucina Comoda. Essendo una imprenditrice con due figli a casa so cosa significa una cucina in disordine. Per questo ho scelto di concentrarmi sugli elettrodomestici da cucina più utili e comodi possibili, cosi da farvi risparmiare tempo tra i fornelli in modo da poterlo spendere come più amate!

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO:

Pin It on Pinterest